Cover Unghie Corte

Unghie corte: il trend del momento

Indice dei contenuti

Ebbene sì, non ci crederete, ma una delle ultime mode del momento del mondo Nails è avere le unghie corte.

Forse l’effetto Coronavirus e i milioni di volte in cui ci hanno raccomandato una perfetta igiene delle mani ci ha fatto propendere per delle unghie meno lunghe, o forse perché sono molto più pratiche, sta di fatto che il trend attuale è proprio questo.

Diciamoci la verità, tutto sommato è una bella notizia: l’idea di non dover per forza avere unghie lunghissime per essere alla moda ci piace! Certo, vedremo che unghia corte richiedono tecniche e trattamenti diversi rispetto a quelle di maggior lunghezza, ma sono ugualmente eleganti, danno un effetto “sistemato” e sono molto più comode.

Attenzione però: corte non significa assolutamente non curate o trasandate, anzi! Averne cura è fondamentale, altrimenti si rischia un effetto veramente brutto dal punto di vista estetico.

Vediamo insieme come valorizzare questo tipo di manicure per avere mani ugualmente stupende!

Perché scegliere unghie meno lunghe?

È vero, avere unghie lunghe aiuta sicuramente a slanciare la mano, a renderla più affusolata e, talvolta, più femminile, ma sono tanti i pro che possono portarci a fare una scelta diversa.

Lo ripeterò sempre, questo non giustifica a mangiarsi le unghie! L’aspetto deve essere sempre ben curato.

Innanzitutto, le unghie cortissime sono più igieniche: è più difficile che lo sporco resti intrappolato sotto il letto ungueale e, quindi, la pulizia è maggiore.

Sono più pratiche e facili da gestire, perché hanno un rischio inferiore di spezzarsi, scardarsi e rompersi; in più, diciamo la verità, sono anche più economiche! Più è lunga l’unghia, più necessita di essere forte e questo porta ad acquistare prodotti rinforzanti di diverso tipo. Per non parlare dei prodotti per le cuticole!

Altro vantaggio è che le unghie meno corte sono molto più vistose e, quindi, più difficili da abbinare, sia con gli outfit sia con i colori scelti per gli smalti.

Infine, c’è chi con le mani ci lavora (si pensi a chi sta 8 e più ore a scrivere sulla tastiera di un pc o a determinati tipi di musicisti) e non può portare una manicure lunga.

Insomma, i vantaggi ci sono e neanche pochi.

Quindi, se hai una ricrescita molto lenta, se non hai tempo e denaro per andare periodicamente dall’estetista per il ritocco, niente paura: potrai avere lo stesso mani bellissime!

Guida per delle mani al top

Come dicevo, anche questo tipo di unghie richiede una cura (seppur diversa) costante ed attenta. Se, quindi, scegliamo di optare per delle unghie corte naturali, allora è bene sapere che, come prima cosa, al fine di poterle valorizzare, è necessario fare una buona manicure.

Quindi, per prima cosa laviamo le mani con acqua tiepida e qualche goccia di olio di mandorle, poi asciughiamo accuratamente le mani, per poi passare uno specifico prodotto per cuticole.

Procediamo, poi, a massaggiarle per una ventina di secondi, per poi spingerle pian piano verso l’interno con un bastoncino di legno o uno spingi cuticole.

Laviamo di nuovo le mani, le spazzoliamo per bene con un prodotto dedicato e asciughiamo.

Poi, passiamo a limare i margini per rendere meno “frastagliata” l’unghia e applichiamo prima un opacizzante (per far durare di più lo smalto) e infine un rinforzante.

Qualche trucchetto per far sembrare le unghie un po’ più allungate e meno piccole

Innanzitutto, il procedimento descritto prima è fondamentale, soprattutto per quanto ha a che fare con le cuticole.

Più avanti parleremo anche di quali sono i colori più adatti da scegliere, ma già vi anticipo che bisogna evitare colori troppo sgargianti e colori troppo scuri: più chiaro e neutro è il tono, meglio è! L’unghia sembrerà più grande. In termini di nail art (anche questo lo approfondiremo dopo), la scelta migliore è quella del french, perché tende ad allungare l’intera mano.

Inoltre, quando si applica lo smalto, meglio evitare di coprire interamente l’unghia: lasciare pochi millimetri laterali non colorati, aiuterà a far sembrare l’area del letto ungueale più lungo.

Infine, se si hanno unghie molto deboli e fragili che si scardano o spezzano facilmente anche se corte, oltre ad uno smalto rinforzante e indurente sarebbe preferibile anche assumere qualche complesso vitaminico che possa aiutare la crescita e la forza delle unghie.

Smalto per unghie corte: come sceglierlo?

Anche qui, c’è una precisazione da fare: su unghie non molto lunghe è preferibile applicare semplicemente uno smalto, ma nulla toglie che è possibile anche optare per una nail art più particolare (dopo ne vedremo alcune).

Siamo sempre libere di fare ciò che vogliamo!

Se per la forma è abbastanza standard la scelta verso quella un po’ a punta o verso quella ovale, per gli smalti, però, è meglio scegliere sempre con attenzione le fantasie e le nuances.

In generale, se oltre ad avere unghie piccoline si ha anche una mano non molto slanciata, è molto meglio scegliere toni molto chiari (andrebbe bene addirittura il trasparente, un vero evergreen), come il rosa tenue, il cipria, il bianco latte, il nude.

Se, invece, la forma della mano è affusolata, allora si può anche osare un po’ di più, ad esempio scegliendo colori pastello come la carta da zucchero, il verde menta, il lilla, il rosa confetto.

Se proprio non sapete fare a meno dei colori scuri, come il grigio, il rosso, il viola, meglio optare sempre per una texture metallizzata o glitterata (e non opaca), che tende a dare luce e quindi a rendere visivamente l’unghia meno piccola.

E mi raccomando… niente bianco gesso!

Chiaramente, non tralasciamo né la scelta della base né la scelta del top coat, fondamentale per far sì che la tenuta sia perfetta e più duratura.

Inoltre, il top coat ha una texture “effetto glossy”, quindi darà più luce alle tue mani, rendendole più belle.

Ricorda che se hai lunghe larghe, puoi usare il trucchetto dell’applicazione verticale, con qualche millimetro scoperto lateralmente; l’unghia sembrerà molto più lunga… provare per credere!

Nail Art: perché no?

Non è assolutamente vero che soltanto le unghie lunghe possono essere decorate: tutto sta nella scelta della nail art da applicare, perché è ovvio che viene condizionata dalla lunghezza limitata dell’unghia.

Abbiamo detto che il massimo in questo caso è il french, perché è la tecnica per eccellenza che rende le unghie più femminili e visivamente più lunghe.

Se, invece, vuoi qualcosa di meno classico, il consiglio è quello di optare per una decorazione semplice e minimal: ad esempio, è carino applicare uno o più puntini colorati sull’unghia, lasciando degli spazi colorati dalla nuance di base.

Oppure, sempre per ricreare un effetto allungante, possiamo giocare con delle strisce colorate verticali o con dei piccoli elementi geometrici disegnati sull’unghia. Se, invece, desideri qualcosa di più particolare, chi dice che non puoi optare per unghie leopardate o per unghie arcobaleno?

La missione (im)possibile

Ci sentiamo continuamente dire che le mani sono il biglietto da visita di una donna e probabilmente è così, ma ciò che non sempre ci dicono è che non servono per forza delle unghie che sembrano degli artigli per avere delle mani belle e femminili.

Anzi, a volte l’effetto di unghie troppo lunghe potrebbe essere controproducente e talvolta un po’ volgare.

Quello che voglio dire è che per avere delle splendide mani non occorre focalizzarsi sulla lunghezza delle unghie: non è assolutamente una missione impossibile avere un risultato al top nonostante si abbiano unghie piccoline.

Basta adottare dei trucchetti furbi che ci permettono di migliorare l’aspetto delle mani e valorizzarle il più possibile. Parola di Vale!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *