Unghie a punta: la versatilità a portata di mano!

Femminili, versatili, trendy: le unghie a punta sono la scelta perfetta per chi vuole una mano elegante ed affusolata, ma al contempo semplice. 

Come scegliere la forma delle unghie

Quando ci si appresta ad eseguire una manicure, è bene tenere conto del fatto che non tutte le mani e non tutte le unghie sono uguali. Ci sono letti ungueali naturalmente larghi e lunghi, altri molto più piccoli, dita lunghe e sottili e altre un po’ più paffute.

Per questo motivo, è importante non fare scelte avventate ed informarsi un po’ prima di scegliere quale forma utilizzare. Ad esempio, se si ha una mano grande è meglio optare per forme arrotondate, se si ha la mano paffuta, meglio scegliere forme ovali e, ancora, se si hanno dita lunghe e sottili, meglio scegliere un’opzione più squadrata.

A chi stanno bene le unghie a punta

Questa forma viene definita anche “mountain peck”, perché ricorda la vetta di un monte e, ovviamente, si può scegliere quanto questa cima possa essere alta! C’è chi predilige delle unghie lunghe a punta e chi invece preferisce la versione più corta, perché magari svolge lavori manuali o semplicemente perché la ritiene più comoda. 

Fatto sta che la forma appuntita sta bene un po’ a tutte, anche se non è adatta agli estremi, nel senso che è particolarmente idonea a chi ha mani e unghie di medie dimensioni. 

Come realizzare le unghie a punta

Prima di parlare di come realizzare la forma a “montagna”, c’è da fare una precisazione: non stiamo parlando delle eccentriche ed estrose unghie a stiletto. Queste ultime sono infatti la versione più estrema della forma a punta, mentre ora stiamo parlando di come realizzare una punta meno strong e più delicata. 

Detto questo, passiamo ai consigli pratici!

Step 1: la preparazione

Non smetterò mai di dirlo: che vi rivolgiate ad una professionista o che decidiate di optare per il fai da te, il primo passo è sempre prendersi cura delle mani. Fare le unghie a punta senza ricorrere a ricostruzioni di alcun tipo richiede che le unghie siano forti e resistenti, per cui, se avete la tendenza alla rottura e allo sfaldamento, correte ai ripari un po’ prima con dei trattamenti indurenti. E mi raccomando, sempre occhio alle cuticole!

Step 2: la limatura

Siamo alla fase più delicata. Innanzitutto, vi consiglio, se siete alle prime armi, di scegliere una lunghezza non eccessiva, così potete fare un po’ di pratica. La cosa fondamentale è limare in modo deciso e delicato entrambi i lati del letto ungueale, nel modo il più simmetrico possibile. Per fare questo, meglio alternare frequentemente lato destro e sinistro, così da regolarsi in modo graduale. 

Limate fino ad assottigliare la punta dell’unghia come più preferite. 

Step 3: le rifiniture 

Terminiamo il lavoro con un po’ di lima dura che definisce al meglio gli argini delle unghie e facciamo una passata di smalto trasparente e indurente o di top coat. Le vostre super mani saranno, così, pronte per essere sfoggiate!

Diverse tipologie di unghie a punta

Non tutte le punte sono uguali, tant’è vero che negli ultimi anni si stanno facendo largo alcune forme molto cool. Vediamo quali:

  • Effetto Pipe: la punta è più arrotondata e ricorda un po’ la forma a mandorla, ma molto più lunga
  • Effetto Bridge: qui siamo di fronte ad unghie che somigliano ad artigli, per cui la punta è molto lunga ed affusolata
  • Effetto Edge: questa è la versione più spigolosa, ricorda una forma triangolare ed è la più resistente di tutte 

Nail Art unghie a punta: i segreti per mani perfette

Quando parliamo di nail art, si sa, abbiamo sempre davanti a noi infinite possibilità, perché è vero che ci sono colori e fantasie che meglio si adattano a determinate forme di mani e di unghie, ma è anche vero che il modo in cui le decoriamo dice molto sulla nostra personalità, per cui la scelta è molto personale. 

Detto questo, la tendenza di quest’anno riguardante la forma a punta è l’utilizzo di colori molto accesi: il giallo, il rosso, l’arancione, sono quelli più glam. Via libera soprattutto all’effetto arcobaleno!

Chiaramente, questo conferirà alle vostre mani un effetto “shock” e che non passerà inosservato, per cui se preferite un effetto più naturale, potrete sempre optare per un nude adatto al vostro incarnato o ad un classico ed intramontabile french bianco. 

Dare luce con glitter e strass

Se non avete paura di osare un po’ di più, soprattutto in estate, che ne dite di arricchire la nail art con degli smalti glitterati o con l’applicazione di brillantini più o meno grandi? Il sole farà scintillare le vostre unghie come non mai! 

Ovviamente, non è detto che sia necessario decorare tutte le unghie, magari potete sceglierne solo una per un effetto “accent nail” o soltanto alcune, tipo pollice e mignolo.

Cosa fare se si hanno unghie corte?

Se non avete unghie naturalmente lunghe e forti, niente paura, potete realizzare delle bellissime unghie gel a punta! Se siete pratiche, potete riuscirci anche da sole, altrimenti rivolgetevi ad un’onicotecnica per un risultato più professionale e duraturo. Anzi, la farete felice, visto che questa forma è spesso utilizzata anche in mostre e fiere proprio per dimostrare l’abilità e la bravura delle professioniste! 

I passaggi della ricostruzione

Dopo aver preparato l’unghia con una approfondita manicure, si passa ad opacizzare la superficie naturale del letto ungueale, si applica un primer e poi le cartine. Esse vengono poi modellate con il gel, dopodichè si passa alla limatura per ottenere la forma voluta (non dimenticate i passaggi con la lampada UV!)

Infine, si sigilla il tutto con uno smalto trasparente o un semipermanente e le vostre unghie a punta saranno meravigliose e dureranno a lungo. Parola di Vale!  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *